Non solo “gerani”: le forme succulente e geofite del genere Pelargonium

tuberi  (1)

Sabato 29 marzo alle ore 16.00 avremo modo di conoscere insieme al botanico Davide Pacifico i pelargoni geofiti, delle specie botaniche veramente insolite che rientrano nel grande mondo delle succulente (comunemente dette piante grasse).

Davide Pacifico, laureato in Biotecnologie Agrarie presso l’Università di Torino, ha collaborato con il CNR di Torino e tutt’oggi collabora con il CNR di Palermo. Il suo principale interesse è rivolto alle piante geofite (bulbose e rizomatose), in particolare alle famiglie Amaryllidaceae e Iridaceae, coltivate in una collezione personale e oggetto di studi in natura, una passione consolidata negli anni grazie ai contatti con associazioni botaniche nazionali ed internazionali.

La storia dei pelargoni è fortemente legata ai pelargoni geofiti e succulenti. Il primo pelargonio ad arrivare in Europa fu P. triste che appunto grazie al suo tubero riuscì a sostenere il lungo viaggio via oceano nei primi anni del seicento. Davide Pacifico ci farà conoscere e vedere come si comportano queste specie in natura. Un universo vastissimo che riserva delle unicità. Alcune ad esempio presentano delle spine (stipole fogliari di una certa consistenza) come quelle di P. echinatum.

Molti di questi non possono mancare nelle collezioni di piante grasse, come il P. tetragonum, dai rami a foglia quadrangolare (come ricorda il nome) o ancora il P. gibbosum, uno dei pochi pelargoni a fiore giallo. Un universo che siamo andati conoscendo a poco a poco e che ora costituisce una sezione non piccola della nostra collezione. O ancora specie botaniche che presentano strutture sotterranee, gruppi di tuberi, come il P. mollicomum , il P.luridum, P. lobatum. Tra tutti è da ricordare soprattutto P. sidoides, considerato un farmaco naturale per le malattie da raffreddamento. P. sidoides è infatti una tra le piante medicinali più studiate al mondo nelle malattie da raffreddamento ed è usato tradizionalmente nella medicina dei popoli africani per curare varie patologie infettive.

Durante la Festa dei Gerani si potranno ammirare queste specie succulente in piena terra. Infatti, all’interno dei “Giardino dei Gelsomini” abbiamo riservato uno spazio, quasi un giardino roccioso, dove queste piante si stanno ambientando. Qui troviamo la geometrica sagoma del P. tetragonum. le miniature del P. altrenans e del P. praemorsum speciosum, le spettacolari foglie del P. lobatum e i luminosi fiori del  P. echinatum. L’idea del giardino di succulente è nata nel tempo dal confronto con alcuni nostri amici e clienti, conosciuti nei mercatini organizzati dall’associazione Cactus & Co di Catania e Palermo. Tanti di loro, infatti sono collezionisti di queste piante e spesso ci hanno  raccontato delle loro soddisfazioni nel coltivarle e di come li hanno inseriti nei loro personali giardini. Da qui, l’idea di seguirli in questa avventura.

 

  , , , , , , , , , , , , , , , , ,